“Destinazione Comune”: i progetti rivolti ai rifugiati nel Lazio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

E’ un progetto a valenza regionale che intende realizzare percorsi integrati, multi azione e personalizzati per la piena partecipazione e l’inclusione socio-economica (casa, lavoro) e socio-culturale (socializzazione, (in)formazione, sensibilizzazione) dei titolari di protezione internazionale nella Regione Lazio. Il progetto è finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 (FAMI) Obiettivo Specifico 1.Asilo – Obiettivo nazionale ON 1 – lett c) – Potenziamento del sistema di 1° e 2° accoglienza – Avviso Realizzazione di percorsi individuali per l’autonomia socio-economica.

Ente capofila
Programma integra

Partners
Refugees Welcome Italia
Università Telematica Internazionale UNINETTUNO
Asl Roma 1
CNCA Coordinamento Nazionale Comunità Migranti
CIES onlus
CIR – Consiglio Italiano per i Rifugiati
Associazione PerMicroLab
Upter Università Popolare di Roma
Roma Capitale – Dipartimento Turismo, Formazione Professionale e Lavoro
Folias scs onlus

Periodo
1 luglio 2020 – 31 marzo 2022

Destinatari
Titolari di protezione internazionale (TPI) in uscita dal circuito dell’accoglienza o usciti da non oltre 18 mesi.

Attività
Le attività riguardano 3 ambiti d’azione più un asse di lavoro trasversale:

1) Inserimento abitativo

  • Percorsi di accoglienza in famiglia e co-housing: attivazione di Team Locali nelle 5 province del Lazio; campagna di sensibilizzazione e reclutamento delle famiglie/o altro “nucleo abitativo” e dei TPI interessati; matching tra “famiglia” e TPI idonei; attivazione e monitoraggio continuo delle convivenze da parte di operatori specializzati
  • Percorsi di accoglienza in famiglia per TPI con specifiche vulnerabilità psichiche e/o fisiche monitorati da un’équipe socio-sanitaria
  • Attivazione di uno Sportello Casa. Orientamento e accompagnamento dei titolari di protezione internazionale nella ricerca di opportune soluzioni alloggiative (libero mercato immobiliare, soluzioni di co-housing o housing sociale, ), nella contrattualistica e per superare le resistenze dei proprietari a stipulare contratti con migranti.

2) Supporto all’inserimento lavorativo 

  • Attivazione di 5 Sportelli di Orientamento al Lavoro (1 per Provincia): orientamento per l’accesso a percorsi e servizi offerti dal progetto stesso oppure verso altri servizi presenti sul territorio atti a promuovere l’acquisizione o il miglioramento di competenze e l’inserimento lavorativo; redazione di bilanci di competenze e career plan; scouting aziendale e matching tra aziende e beneficiari
  • Percorsi di identificazione e messa in trasparenza delle competenze formali, non formali e informali
  • Percorsi formativi (non professionalizzanti) in:
    – Operatore Agricolo
    – Animatore turistico multiculturale
    – Elettricista
    – Educazione finanziaria
    – Avvio di impresa
  • Mentoring per l’avvio di impresa attivabile on demand per supportare l’avvio di lavoro autonomo (assistenza, orientamento) dei beneficiari attraverso dei Mentors esperti
  • Riconoscimento dei crediti e dei titoli di studio acquisiti all’estero e iscrizione a corsi di laurea online dell’Università telematica “UniNettuno”
  • Evento di job matching: “Fiera del Lavoro”, azione di networking e matching tra aziende e i titolari di protezione internazionale al fine di allargare la rete socio-economica dei destinatari e la possibilità di trovare occupazione o attivare tirocini.

3) Inserimento socio culturale

  • Attivazione di 5 Sportelli di orientamento alle istituzioni e ai servizi del territorio (1 per Provincia): orientamento e accompagnamento ai servizi socio-culturali del progetto e del territorio
  • Incontri info-formativi su diritti e doveri di cittadinanza
  • Servizio di primo ascolto psicologico per i destinatari di progetto particolarmente vulnerabili
  • Attività formative e laboratoriali:– Laboratorio di alfabetizzazione e aggiornamento delle competenze informatiche
    – “Cassetta dei ricordi”, laboratorio di empowerment su identità e appartenenza a una Comunità
    – Laboratorio “Fotografia e riprese video per smartphone”, trasformare storie autobiografiche in strumento di sensibilizzazione
  • Micro-progetti di Buddying (incontri di scambio culturale) e Mentoring (affiancamento nel percorso formativo/occupazionale) tra cittadini italiani e titolari di protezione internazionale
  • Eventi di “Skills share” nei quali i destinatari parteciperanno come docenti e/o discenti per condividere conoscenze e competenze acquisite e generare nuove conoscenze e relazioni eventi di socializzazione e sensibilizzazione
  • 5 eventi di socializzazione e sensibilizzazione (1 per Provincia)

4) Animazione territoriale e comunicazione

  • Definizione e implementazione di una strategia di comunicazione e animazione territoriale efficace a raggiungere e coinvolgere destinatari, enti locali, enti gestori di centri di accoglienza, operatori economici, cittadinanza tutta, anche attraverso l’uso di canali online (Facebook e Youtube)
  • Pillole video sui beneficiari di progetto e il loro percorso nell’ambito del progetto.

Per informazioni:
l.bianconi@programmaintegra.it

La storia di Maliki

La storia di Maliki Quello dei “Circoli Rifugio, nessuno in strada”, è un esperimento di accoglienza solidale e condivisa, che oltrepassa i circuiti istituzionali, offrendo

Il posto che posso chiamare casa

Il posto che posso chiamare casa Non me l’aspettavo che sarebbe stato di nuovo così. Di nuovo così difficile, voglio dire. Dopo tanti anni qui