Corsi gratuiti online di lingua italiana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

LiMo organizza nel biennio 2020-2021 una serie di corsi gratuiti di lingua per aiutare i cittadini di nazionalità non italiana ad orientarsi meglio tra i servizi del territorio, all’interno del mondo del lavoro e della formazione professionale, per sostenerli nello studio della teoria per l’esame di guida e nella preparazione del test di certificazione linguistica di livello A2.

I corsi sono finanziati dal progetto FAMI Apriti Sesamo a cui partecipano partner del territorio fiorentino, pratese e aretino: Associazione Progetto Arcobaleno, Oxfam Italia, Cospe, Cooperativa Tangram, Cooperativa Pane e Rose e Associazione Italia-Bangladesh.

Tutti i corsi sono tenuti da facilitatrici linguistiche qualificate e con anni di esperienza nel settore.

I corsi ai quali è possibile iscriversi con LiMo sono:

  • Percorrere i servizi in città: conoscere e fruire dei servizi per il trasporto, la salute, l’istruzione per adulti e minori, la formazione professionale, per il lavoro…
  • L’italiano che ti dà i permesso: prepararsi alla certificazione linguistica CELI di livello A2
  • L’italiano per il lavoro: i linguaggi settoriali (cucina e panificazione, pelletteria, magazzino e logistica, manutenzione del verde); la ricerca del lavoro (conoscere e scrivere il proprio CV, saper raccontare le proprie esperienze e competenze, sostenere uno scambio telefonico, svolgere un colloquio di lavoro, migliorare la conoscenza del contesto lavorativo in cui si è inseriti..)
  • L’italiano per la patente di guida: avvicinarsi al complicato testo dei quiz d’esame familiarizzando gradualmente con il lessico della strada e della segnaletica.Per informazioni e iscrizioni (entro martedì 12 gennaio, per il primo ciclo): info@limolinguaggi.eu oppure 3347413072

Fonte: http://limolinguaggi.eu/progetto-apriti-sesamo-corsi-gratuiti-di-lingua-italiana/

La storia di Maliki

La storia di Maliki Quello dei “Circoli Rifugio, nessuno in strada”, è un esperimento di accoglienza solidale e condivisa, che oltrepassa i circuiti istituzionali, offrendo

Il posto che posso chiamare casa

Il posto che posso chiamare casa Non me l’aspettavo che sarebbe stato di nuovo così. Di nuovo così difficile, voglio dire. Dopo tanti anni qui