University Corridors for Refugees: 24 università italiane accoglieranno 43 rifugiati dall’Etiopia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Il progetto University Corridors for Refugees (UNI-CO-RE), giunto alla sua terza edizione, offre ai rifugiati residenti in Etiopia l’opportunità di arrivare in Italia in maniera regolare e sicura per proseguire gli studi.

Ventiquattro Università italiane daranno la possibilità a quarantatré rifugiati di proseguire il loro percorso accademico in Italia; gli studenti saranno selezionati sulla base del merito e della motivazione, attraverso un bando pubblico lanciato oggi.

Collaborano al progetto il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, l’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, Caritas Italiana, Diaconia Valdese, Centro Astalli e Gandhi Charity.

Il bando chiuderà il 1 Aprile 2021 e può essere consultato sul sito universitycorridors.unhcr.it

Le università partecipanti nel 2021 sono:

  • Università degli Studi di Bari Aldo Moro
  • Università degli Studi di Bergamo
  • Università degli Studi di Brescia
  • Università degli Studi di Cagliari
  • Università della Campania Luigi Vanvitelli
  • Università degli Studi “G. Dannunzio” Chieti – Pescara
  • Università degli Studi di Firenze
  • European University Institute
  • Università del Salento, Lecce
  • Università degli studi di Messina
  • Università Statale di Milano
  • Università degli Studi di Milano – Bicocca
  • Università Commerciale Luigi Bocconi
  • Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  • Università degli studi di Palermo
  • Università degli studi di Padova
  • Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli
  • Università degli studi di Roma La Sapienza
  • Università di Sassari
  • Università per Stranieri di Siena
  • Università Iuav di Venezia
  • Università degli studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro
  • Università degli studi di Verona
  • Università della Tuscia di Viterbo

Fonte: Unhcr

La storia di Maliki

La storia di Maliki Quello dei “Circoli Rifugio, nessuno in strada”, è un esperimento di accoglienza solidale e condivisa, che oltrepassa i circuiti istituzionali, offrendo

Il posto che posso chiamare casa

Il posto che posso chiamare casa Non me l’aspettavo che sarebbe stato di nuovo così. Di nuovo così difficile, voglio dire. Dopo tanti anni qui