#TF4Women! Borsa di studio per formazione nel settore informatico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Sono aperte le iscrizioni al Programma # TF4Women!, una borsa di studio gratuita di 6 mesi attivata da Techfugees per fornire conoscenze educative e pratiche sulle nuove tecnologie, parallelamente a tutoraggio individuale e supporto personalizzato per l’inserimento lavorativo nel settore informatico.

Il programma è rivolto a donne rifugiate in Italia

Techfugees è una ONG internazionale che supporta i rifugiati attraverso diversi programmi e azioni all’interno del settore informatico. Il Programma # TF4Women! è attivo dal 2018 in Francia e da quest’anno viene proposto anche in Italia.

I prerequisiti per l’iscrizione al programma:

  • essere una donna rifugiata titolare di protezione internazionale o sussidiaria
  • avere un livello di lingua italiana B1 o superiore
  • avere qualche esperienza in ambito o capacità di utilizzo base del computer
  • essere motivata ed interessata ad una prospettiva lavorativa in settore HiTech.
  • risiedere o essere domiciliata in Italia (non vi sono vincoli sul territorio nazionale)

Le classi tecniche di partenza riguarderanno i seguenti percorsi:

  • software development
  • communication & digital marketing
  • digital project management
  • data science
  • UX/UI design
  • HR in digital
  • cybersecurity

Iscrizioni:
Candidature dal 15/02/2021 sino al 15/04/2021 tramite modulo:
#TF4Women Fellowship 2021: Modulo di iscrizione – Application Form

Inizio Lezioni:
dal 6 Maggio 2021 al 16 Dicembre 2021
Sessioni online ogni giovedì per 6 mesi (esclusa la pausa estiva)

Per Informazioni
Matilde Spoldi, Local Project Manager #TF4Women Fellowship Program – Italy
matilde@techfugees.com
Chérine Alì, European Scaling Manager #TF4Women Fellowship Program
chérine@techfugees.com

Scarica la presentazione #TF4Women Fellowship Italia

SCARICA TUTTE LE INFORMAZIONI PER PARTECIPARE

Fonte: Rete Migrazioni Lavoro 

La storia di Maliki

La storia di Maliki Quello dei “Circoli Rifugio, nessuno in strada”, è un esperimento di accoglienza solidale e condivisa, che oltrepassa i circuiti istituzionali, offrendo

Il posto che posso chiamare casa

Il posto che posso chiamare casa Non me l’aspettavo che sarebbe stato di nuovo così. Di nuovo così difficile, voglio dire. Dopo tanti anni qui