Categorie
corsi Evidenza Violenza di genere

Roma: diventa un*attivista per la libertà delle donne!

✊Vuoi diventare un team leader che lotta per:
★ I diritti umani e la libertà di scelta delle donne?
★ Vuoi sapere di più sul perché accadono i matrimoni forzati e la violenza legata all’onore?
★ Vuoi capire come aiutare amici e/o connazionali che subiscono queste violenze?
★ E, soprattutto, vuoi partecipare ad un progetto che mira a prevenire questo fenomeno?

🗣️*A chi è rivolto?*
– Giovani di origine straniera o stranier3
– Età compresa tra i 18 e i 24 anni
– Residenti a Roma o nel Lazio

🎯Cosa offre il progetto?
Una formazione gratuita di 2 giorni su:
• Diritti umani, violenza di genere, e violenza legata all’onore: riconoscerla e dare supporto a chi la subisce
• Dialogo interculturale e intergenerazionale: strategie comunicative per la risoluzione di conflitti
• Organizziamo insieme un progetto sociale-culturale su questi temi: vogliamo le tue idee!

⏰ Dove e quando?
Il 23-24 marzo 2024 presso la sede dell’Arci Nazionale in Via dei Monti di Pietralata, 16, a Roma. Per info contattaci su whatsapp al numero +39 351 004 0780

 

L’Arci è coinvolta come partner in un progetto europeo chiamato FATIMA2, il cui obiettivo principale è combattere la violenza di genere, con particolare attenzione alle forme legate all’onore (Honour Related Violence, HRV) che comprende i delitti d’onore, i matrimoni forzati e le mutilazioni genitali femminili. Se desideri ulteriori informazioni o vuoi partecipare al progetto, ti invitiamo a visitare la seguente pagina: https://www.arci.it/campagna/fatima2/

Categorie
Asilo e immigrazione Evidenza Ucraina

Proroga protezione temporanea e misure di accoglienza per le persone provenienti dall’Ucraina

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto-legge con nuove “Disposizioni urgenti di protezione temporanea per le persone provenienti dall’Ucraina”. Prorogato anche lo stato di emergenza.

Il testo stabilisce la proroga delle misure di assistenza e accoglienza già disposte in favore della popolazione ucraina, fino al 31 dicembre 2024.
In particolare, è disposta la prosecuzione delle attività di:

  • accoglienza diffusa svolta mediante i comuni, gli enti del terzo settore, i centri di servizio per il volontariato, gli enti e le associazioni iscritte nel registro già previsto dal Testo unico sull’immigrazione e gli enti religiosi civilmente riconosciuti
  • sostentamento per l’assistenza delle persone titolari della protezione temporanea che abbiano trovato autonoma sistemazione (anche presso parenti, amici o famiglie ospitanti):
  • può essere richiesto per un periodo massimo di tre mesi dalla data riportata sulla ricevuta di presentazione della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea,
  •  per richiedere il contributo hai bisogno del tuo Codice Fiscale (indicato nella ricevuta della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea), di un cellulare e una email
  • per richiedere il contributo di sostentamento clicca qui
  • per maggiori informazioni leggi il vademecum
  • proroga dell’esenzione sanitaria
  • le ulteriori forme di assistenza coordinate dai presidenti delle regioni e delle province autonome. 

Un’importante novità riguarda l’introduzione della possibilità di conversione dei permessi di soggiorno per protezione temporanea in permessi di soggiorno per lavoro (questi permessi possono essere convertiti in permessi per lavoro attraverso la compilazione del kit postale e con l’obbligo del versamento di un contributo variabile tra i 40 e i 50 euro). 

Inoltre, si proroga al 31 dicembre 2024, fatta salva la cessazione della protezione temporanea, la durata dei permessi di soggiorno per protezione temporanea fino ad ora rilasciati ai cittadini e cittadine ucraine.

Categorie
corsi Minori Ucraina

Questionario a supporto dei/delle giovani ucraini/e in Italia

CeSPI, Banca Mondiale e Università Bocconi stanno conducendo uno studio sulla situazione dei ragazzi ucraini arrivati in Italia dopo il 23 febbraio 2022, con l’obiettivo di identificare i fattori che possano prevenire o ridurre le perdite di apprendimento e capacità relazionali dei giovani costretti alla fuga.

La raccolta di questi dati aiuterà a informare la progettazione di possibili interventi da parte delle istituzioni italiane volti a supportare concretamente i ragazzi ucraini nel loro percorso di integrazione.

I partecipanti al questionario avranno la possibilità di essere selezionati come beneficiari di interventi di supporto di questo tipo.

Partecipa al questionario entro il 14 gennaio 2024 cliccando sul seguente link o inquadrando il QR code.

Per maggiori informazioni scrivi a progetto_ucraina@cespi.it o chiama 066990630

Categorie
Evidenza Faq Violenza di genere

FAQ – Matrimoni forzati

Pensi di essere coinvolta/o in un matrimonio nel quale potresti non sentirti completamente convinta/o o addirittura costretta/o da i tuoi familiari, parenti o comunità? È possibile che tu non ti senta pienamente libera/o di fare la scelta che desideri. Se è così, potresti essere vittima di un matrimonio forzato. Per saperne di più leggi le FAQ qui di seguito: se hai bisogno di aiuto, o se conosci qualcuno/a che possa essere coinvolta/o in una situazione simile, ricorda che puoi contattare il numero 1522: è gratuito, anonimo e sicuro, ed è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24.

Categorie
coi

Tunisia: informazioni sulla disponibilità e l’accessibilità delle cure per diabete e informazioni generali sul sistema sanitario tunisino. Aprile 2022

Nuova versione (aggiornata a luglio 2023) . Scarica il PDF 

Prima versione (aggiornata ad aprile 2022) Scarica il PDF

 3,456 Visite totali,  3 visite odierne

Categorie
coi

Tunisia: informazioni su fenomeni di stigmatizzazione e discriminazione delle persone affette da epilessia. Informazioni sulla disponibilità delle cure. Aggiornato a luglio 2023

Prima edizione (aggiornata a novembre 2021). Scarica il file .pdf

Aggiornamento (luglio 2023). Scarica il file .pdf

 1,688 Visite totali,  3 visite odierne

Categorie
Before you go Evidenza Lavoro

Decreto Flussi: migrare in Italia per motivi di lavoro tramite Art.23 TUI

In questo video troverete spiegato in maniera semplice come arrivare in Italia con un visto per motivi di lavoro.
Troverete la risposta alle seguenti domande:

  • Cos’è il decreto flussi?
  • Com’è il decreto flussi per l’anno 2023
  • Quali sono le principali tappe della procedura amministrativa per venire in Italia?
  • Come venire in Italia se ho fatto un corso di formazione all’estero per lavoratori stranieri? (Art.23 TUI)
  • Quali sono le principali istituzioni italiane che si occupano dei documenti? (es. cos’è la Questura, la Prefettura, lo Sportello Unico, il Consolato Italiano, ecc.)
  • Quali sono i principali documenti in Italia?(es. il permesso di soggiorno, la carta di identità, il Nulla Osta, la tessera sanitaria, il visto di ingresso?)
Documenti utili
Migrare in Italia per motivi di lavoro tramite Art.23 TUI
Istituzioni e tipi di documenti in Italia

Per maggiori informazioni consulta la pagina https://www.jumamap.it/it/decreto-flussi-2023/ o chiama il Numero Verde per Richiedenti Asilo e Rifugiati di Arci, che prevede la mediazione in oltre 35 lingue. E’ attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9:30 alle 17:30.
Numero gratuito: (+39) 800 90 55 70 Whatsapp / Lycamobile: (+39) 351 1 37 63 35

Categorie
corsi Ucraina

Opportunità di Job Shadowing

Il progetto Erasmus+ “YEAR – Youth Education and Activism for Refugees’ and Migrants’ Rights” offre a persone rifugiate o con background migratorio l’opportunità di partecipare ad un tirocinio della durata di un mese in un altro paese europeo.

I/le partecipanti selezionati/e faranno esperienza nel settore della promozione dei diritti e dell’assistenza legale a persone migranti, rifugiate e richiedenti asilo.

I requisiti per la candidatura sono:
• Età compresa tra i 18 e 30 anni
• Background migratorio (personale o familiare)
• Essere regolarmente residente in uno dei tre paesi partecipanti al progetto (Italia, Spagna e Germania)
• Buon livello di inglese (B2 o superiore – non necessaria certificazione)

Le candidature sono aperte fino all’8 agosto.

Clicca qui per candidarti e per avere maggiori informazioni sul tipo di attività offerte dal progetto.

 7,219 Visite totali,  2 visite odierne

Categorie
corsi

Cecina: formazione “la mediazione culturale in frontiera”

Nell’ambito del festival MIA – Meeting Internazionale Antirazzista, organizzato da Arci Toscana e che si svolgerà dal 4 l 7 luglio a Cecina, si terrà la formazione rivolta ai mediatori/mediatrici linguistico-culturali:

LA MEDIAZIONE CULTURALE IN FRONTIERA

  • Le peculiarità del lavoro di mediazione in frontiera con migranti forzati e sopravvissuti a contesti di guerra e violenza, un’attività di protezione.
  • Come la mediazione linguistico –culturale può favorire l’emersione di esigenze specifiche ed in particolare degli indicatori di violenza e/o tratta.
  • Il codice etico UNHCR adottato da Arci: perché è importante?

La formazione, organizzata da UNHCR in collaborazione con Arci, si svolgerà il 05 luglio 2023 dalle ore 10:00 alle 16:00-
La formazione è gratuita e aperta a tutti/e e verrà rilasciato un certificato di partecipazione da UNHCR.

Per info e iscrizioni (entro il 3 luglio) scrivere a: numeroverdemediazione@arcinazionale.it

 1,348 Visite totali,  2 visite odierne

Categorie
corsi Evidenza

Nuova opportunità di finanziamento per organizzazioni guidate da rifugiati/e

Il Fondo per l’innovazione guidata dai rifugiati dell’UNHCR è aperto a nuove domande da parte di organizzazioni guidate da rifugiati/e in tutto il mondo.

Il Fondo sostiene l’innovazione di tutte le organizzazioni guidate da persone che hanno subito sfollamenti forzati, inclusi rifugiati/e, richiedenti asilo, sfollati/e interni, rimpatriati/e e apolidi. Il Fondo fornisce supporto olistico – combinando risorse finanziarie, tutoraggio e altre competenze – direttamente alle organizzazioni guidate da rifugiati/e, per consentire loro di progettare e realizzare nuovi interventi che abbiano un impatto positivo duraturo sulle loro comunità.

Ai candidati/e viene chiesto di candidarsi come team, di solito come parte di un’organizzazione esistente.

Il bando chiude il 30 giugno 2023 alle ore 23:59.

Maggiori informazioni qui

 1,638 Visite totali,  2 visite odierne