Proroga protezione temporanea e misure di accoglienza per le persone provenienti dall’Ucraina

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto-legge con nuove “Disposizioni urgenti di protezione temporanea per le persone provenienti dall’Ucraina”. Prorogato anche lo stato di emergenza.

Il testo stabilisce la proroga delle misure di assistenza e accoglienza già disposte in favore della popolazione ucraina, fino al 31 dicembre 2024.
In particolare, è disposta la prosecuzione delle attività di:

  • accoglienza diffusa svolta mediante i comuni, gli enti del terzo settore, i centri di servizio per il volontariato, gli enti e le associazioni iscritte nel registro già previsto dal Testo unico sull’immigrazione e gli enti religiosi civilmente riconosciuti
  • sostentamento per l’assistenza delle persone titolari della protezione temporanea che abbiano trovato autonoma sistemazione (anche presso parenti, amici o famiglie ospitanti):
  • può essere richiesto per un periodo massimo di tre mesi dalla data riportata sulla ricevuta di presentazione della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea,
  •  per richiedere il contributo hai bisogno del tuo Codice Fiscale (indicato nella ricevuta della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea), di un cellulare e una email
  • per richiedere il contributo di sostentamento clicca qui
  • per maggiori informazioni leggi il vademecum
  • proroga dell’esenzione sanitaria
  • le ulteriori forme di assistenza coordinate dai presidenti delle regioni e delle province autonome. 

Un’importante novità riguarda l’introduzione della possibilità di conversione dei permessi di soggiorno per protezione temporanea in permessi di soggiorno per lavoro (questi permessi possono essere convertiti in permessi per lavoro attraverso la compilazione del kit postale e con l’obbligo del versamento di un contributo variabile tra i 40 e i 50 euro). 

Inoltre, si proroga al 31 dicembre 2024, fatta salva la cessazione della protezione temporanea, la durata dei permessi di soggiorno per protezione temporanea fino ad ora rilasciati ai cittadini e cittadine ucraine.