JumaMap - Services for Refugees

Juma Map – Services for refugees (为难民的服务)是对寻求庇护者和国际保护持有人提供的服务的国级地图。这个平台使用十五个语言提供内容。本地图一方面让寻求庇护者和保护身份持有人在领土上确定自己的方位并获得他们需要的服务,比如法律援助、意大利语课程和日益广泛的非正式接待形式,一方面旨在把管理移民现象的人员和机关,比如保护机关的男女经营者、机构、地方机关、非正式场地、志愿服协会、教育服务和卫生服务连在一起

联合国难民署(UNHCR)的支持, JumaMap 加入国家ARCI为寻求庇护者和难民免费电话号码800905570的项目中。本免费电话号码进行十年多活动了,使用三十五多个语言来免费地提供援助和在国家领土上的服务向导。本平台是一个空间,也是一个能被所有人使用、更新、结合的工具。在未来几个月注册于平台的实体能自己接入并管理由他们启动的服务和信息。Refugees Map Services (为难民的服务地图)旨在成为一个公共共同使用的工具,通过该工具能分享良好的做法并确定离我们最近的特定服务。

JumaMap 的目标包括:

  • 确定离需要的人最近的特定服务 (在哪里睡觉,在哪里找到法律援助,在哪里找到卫生援助,在哪里找到心理社会援助,在哪里找到语言学院);
  • 让别人更好地了解自己的服务和工作(还没注册于地图的公共私有实体可以发送登记表);
  • 实时更新自己的信息 (注册于地图的所有实体会接收凭证以修改并更新他们服务的描述);
  • 增进我们所做的事并把它放在网络上。

Roma. La mappa dell’accoglienza

Questa mappa vuole essere uno strumento per orientare le persone migranti, richiedenti asilo e rifugiate che si trovano a Roma. Vi sono indicati i servizi, le associazioni, gli spazi sociali che praticano buona accoglienza, i servizi pubblici e i luoghi dove poter accedere a informazioni utili. In questa mappa vogliamo mostrare un’altra città: quella accogliente e solidale, che si oppone alla deriva razzista, securitaria e alle politiche che stanno smantellando il sistema di protezione e di accoglienza, rendendo sempre più difficile l’accesso ai servizi. Questa mappa vuole mettere in rete gli attori presenti sul territorio e facilitare il lavoro degli operatori del settore, dei volontari e degli attivisti. Realizzata con il contributo di tante e tanti, è in continuo aggiornamento. Nuove versioni verranno stampate periodicamente. Per questo vi invitiamo ad aiutarci a migliorarla, inviando segnalazioni e suggerimenti a: numeroverderifugiati@gmail.com

Per la realizzazione di questa mappa ringraziamo: Arci Roma, D.i.Re – Donne in Rete Contro la Violenza, Fish Onlus, Lunaria, Comunità di Sant’Egidio, Rete Scuolemigranti.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL PDF DELLA MAPPA

Numero Verde per richiedenti Asilo e Rifugiati

为寻求庇护者和难民的免费电话号码 800 905 570 (也可以通过Lycamobile 3511376335联系) 由国家ARCI的移民庇护办公室管理,该办公室激活了一个可以通过电话和手机联系的免费电话号码。该服务提供法律援助和咨询、社会语言中介和融入向导。

本服务作为”Equal Integrarsi”项目中的实验活动建立于2006年,与意大利直辖市国家协会(ANCI) 的辩护,与部长会议主席团的融资,由于8×1000基金, 本办公室能继续进行活动。在2013/2014的两年期间,本办公室被承认为联合国难民署(UNHCR)关于家庭团聚程序管理和都柏林第二公约和第三公约的程序管理的实施伙伴。此外,国家反种族歧视办公室 (UNAR)订立了一个公约(2013年6月/2015年6月),通过该公约委托了移民庇护办公室关于寻求庇护者和国际保护持有者受的歧视设立一个专门的后台办公室。 

本服务证实自己是为许多寻求庇护者和难民的基准点,特别是为那些因为不充足的体制反应从来没享受接待、向导和保护服务的人。随着时间和电话的流逝,免费电话号码成为了一个平台,本平台让在庇护权领域工作的男女经营者和管理参考法例的不断修订的男女律师交流经验。

 

为寻求庇护者和难民的免费电话号码从周一到周五,从上午九点半到下午五点半答应,还有二十四小时激活的多语种电话答录机。

Mail: numeroverderifugiati@arci.it

邮件: numeroverderifugiati@arci.it

Scarica qui il Report del Numero Verde 2018

L’obiettivo da raggiungere, quello per il quale il Numero Verde per i Richiedenti e Titolari di Protezione Internazionale nacque tredici anni fa, era il contrasto alla dispersione sul territorio nazionale delle persone in cerca di asilo.

Il Numero Verde continua a stare al fianco dei richiedenti asilo affinando nuovi strumenti – da Jumamap alla telefonia mobile – e promuovendo momenti di scambio e formazione tra soggetti pubblici e privati.Continua a monitorare il rispetto delle leggi nazionali e internazionali, pronto a denunciarne le violazioni.

Per tali ragioni, questo documento è dedicato a tutti i richiedenti asilo che hanno raggiunto o che hanno cercato di raggiungere il nostro paese.

Materiali

Hanno collaborato con noi

ActionAid, guidata dai suoi organi di governance, è presente su tutto il territorio nazionale grazie a professionalità e dedizione messe in campo dai membri dello staff, dai gruppi di attivisti e dai volontari, uniti per il perseguimento e il raggiungimento degli obiettivi di Agorà 2028: la nuova strategia di cui si è dotata l’organizzazione volta a garantire e sviluppare la qualità della democrazia nel mondo.

Il 29 settembre 2008 si è costituita l’Associazione Nazionale D.i.Re “Donne in Rete contro la violenza”, la prima associazione italiana a carattere nazionale di centri antiviolenza non istituzionali e gestiti da associazioni di donne, che affronta il tema della violenza maschile sulle donne secondo l’ottica della differenza di genere, collocando le radici di tale violenza nella storica, ma ancora attuale, disparità di potere tra uomini e donne nei diversi ambiti sociali.

L’associazione D.i.Re è nata allo scopo di costruire una azione politica nazionale che, partendo dall’esperienza maturata nelle diverse realtà locali, promuova azioni volte ad innescare un cambiamento culturale di trasformazione della società italiana nei riguardi del fenomeno della violenza maschile sulle donne.

Nel 2006, dopo due anni di lavoro, 57 Associazioni hanno redatto la  “Carta della Rete Nazionale dei Centri antiviolenza e delle Case delle donne“ documento politico che ha preceduto l’elaborazione dello statuto.

Oggi, l’associazione nazionale D.i.R.e. raccoglie dentro un unico progetto politico più di 80 Centri Antiviolenza e le Case delle Donne che in oltre vent’anni di attività hanno dato voce, sul territorio nazionale, a saperi e studi sul tema della violenza alle donne, supportando migliaia di donne ad uscire insieme ai propri figli/e dalla violenza e a conquistare la libertà.

D.i.Re intende dare visibilità alla metodologia e all’attività dei Centri Antiviolenza presenti sul territorio nazionale, iniziative volte alla conoscenza del fenomeno della violenza, elaborare progetti di ricerca, in un’ottica di riflessione sulle esperienze e di formazione continua e diffusa per i Centri e per il territorio. Obiettivo fondamentale diventa così far conoscere e mutare nella società la percezione dell’entità e della gravità della violenza sulle donne, la sua collocazione nei crimini contro l’umanità, a prescindere dal colore e dalla nazionalità dell’uomo che la esercita e della donna che la subisce.

L’associazione nazionale D.i.Re si pone come interlocutrice delle istituzioni nazionali e internazionali, anche attraverso l’elaborazione e/o la modifica della normativa relativa ai diritti delle donne, forte del proprio patrimonio di saperi, di elaborazioni ed esperienze professionali acquisite in tanti anni dai Centri antiviolenza, anche al fine di individuare, valorizzare e diffondere esempi di buone pratiche di contrasto alla violenza messi a punto a livello locale, nazionale ed internazionale, rafforzando l’attività dei Centri e delle Case delle donne già esistenti e favorendo la costituzione di una capillare rete di nuovi centri antiviolenza.

La FISH, costituita nel 1994, è una organizzazione ombrello cui aderiscono alcune tra le più rappresentative associazioni impegnate, a livello nazionale e locale, in politiche mirate all’inclusione sociale delle persone con differenti disabilità.

I principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità costituiscono un manifesto ideale per la Federazione e per la rete associativa che vi si riconosce e che individua nella FISH la propria voce unitaria nei confronti delle principali istituzioni del Paese.

Partendo dalla nuova visione bio-psico-sociale della disabilità, contrapposta ad un modello medico che per decenni ha reiterato pregiudizi e segregazioni, la FISH interviene per garantire la non discriminazione e le pari opportunità, in ogni ambito della vita. In quanto situazioni a maggior rischio di esclusione, la Federazione pone un’attenzione prioritaria alla condizione delle persone con disabilità complesse, non sempre in grado di autorappresentarsi, ed al supporto dei loro nuclei familiari.

Attraverso la collaborazione con il Forum Italiano sulla Disabilità (FID), l’organismo che rappresenta l’Italia all’interno dell’European Disability Forum (EDF), raccorda le politiche nazionali con quelle transnazionali, facendo sì che il contributo del movimento italiano per i diritti delle persone con disabilità venga coerentemente rappresentato, ad esempio, presso l’Unione Europea o le Nazioni Unite.

L’Agenzia E.Net è lo strumento statutario di cui la Federazione si avvale per la progettazione e la gestione dei propri progetti ed iniziative. Si caratterizzano come i principali ambiti di lavoro della Agenzia le azioni di rafforzamento della rete interassociativa e la promozione di attività di consulenzaformazionericerca monitoraggio.

A tal fine, con il coinvolgimento delle associazioni aderenti, opera per favorire il consolidamento di collaborazioni strutturate con istituzioni, enti, università, sulle diverse tematiche attinenti alla disabilità.

L’Agenzia E.Net assume come riferimento le linee strategiche elaborate dal Consiglio Direttivo della FISH ed agisce in base alle metodologie del lavoro per la rete e della progettazione partecipata. L’articolazione territoriale dell’Agenzia è costituita dai gruppi locali, attivi in varie regioni, e da un coordinamento nazionale.

Il GrIS Lazio è il primo gruppo territoriale della SIMM – Società Italiana di Medicina delle Migrazioni. Costituito nel 1995 e ha fatto dell’integrazione tra operatori di servizi del pubblico e del privato sociale la sua peculiarità e la sua forza.

Lunaria è un’associazione di promozione sociale senza fini di lucro, laica, indipendente e autonoma dai partiti, fondata nel 1992.

Promuove la pace, la giustizia sociale ed economica, l’uguaglianza e la garanzia dei diritti di cittadinanza, la democrazia e la partecipazione dal basso, l’inclusione sociale e il dialogo interculturale.

Lunaria pratica e favorisce processi di cambiamento sociale a livello locale, nazionale e internazionale attraverso attività di advocacy, di animazione politico-culturale, di comunicazione, di educazione non formale, di formazione e di ricerca, attraverso le campagne di informazione e di sensibilizzazione e con il lavoro in rete.

Mobilità e volontariato internazionale, politiche giovanili, migrazioni e lotta al razzismo, analisi delle politiche pubbliche di bilancio, economiche e sociali, sviluppo sostenibile, lotta alle disuguaglianze, sono al centro del suo impegno sociale.

Médecins du Monde è una associazione umanitaria internazionale e indipendente, che da oltre 30 anni si batte per il diritto universale alla salute. Presente in oltre 64 Paesi, fornisce assistenza sanitaria, accompagna il cambiamento sociale e lotta per i diritti delle popolazioni più vulnerabili.

La missione Italia di Médecins du Monde nasce a fine 2015 in risposta alla crisi migratoria che ha interessato l’Europa e l’Italia inizialmente con un programma in supporto all’accesso alla salute per migranti e rifugiati in Calabria e da fine 2017 anche con un intervento in favore delle popolazioni migranti che si trovano a vivere in accampamenti informali e immobili occupati a Roma.

A partire dal 2019, grazie al supporto della Direzione Generale Giustizia dell’UE, dell’Unicef e di fondazioni private, un nuovo programma sulla violenza di genere e sulla salute sessuale e riproduttiva si sviluppa in Calabria, Lazio e Sicilia. Tra gli obiettivi di tale programma: la realizzazione di una mappatura dei servizi (sanitari e non) sui territori di riferimento, il miglioramento delle competenze degli operatori dei centri di accoglienza e dei professionisti dei servizi socio-sanitari, così come l’empowerment dei minori, giovani adulti e donne migranti per l’acquisizione di informazioni/formazioni necessarie su diritti, procedure, e accesso ai servizi. Alcune di queste attività s’inseriscono in un progetto europeo più ampio portato avanti da Médecins du Monde in  BelgioBulgariaCroazia, Francia.

Dal 2015 Médecins du Monde – missione Italia ha assistito oltre 30.000 migranti sbarcati nel porto di Reggio Calabria, ha effettuato più di 2.100 visite mediche, ha fornito supporto psicosociale a 1.290 migranti (soprattutto minori stranieri non accompagnati), ha coinvolto oltre 300 migranti in sessioni informative per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, ha promosso percorsi di formazione per 985 operatori dell’accoglienza sull’identificazione e presa in carico delle vulnerabilità e, infine, ha formato 211 operatori e staff sanitari sulle principali criticità della salute dei migranti e sull’approccio transculturale ai servizi di cura.

ReTer è un esperimento di cartografia critica e collaborativa in costruzione che ha tra i proprio obiettivi quello di facilitare l’incontro in un ambiente condiviso, indipendente e non profit delle azioni isolate di mappatura attive in rete e sul territorio. Un network territoriale di associazioni, comitati, enti locali, dipartimenti e laboratori universitari che siano già attivi in questo ambito o dotati di strumenti e banche dati utili.
Riteniamo che sia importante liberare spazi della rete attraverso infrastrutture e servizi indipendenti e autogestitioperando fuori da dinamiche e interessi commerciali nella tutela dei diritti di libertà di comunicazione e di espressione, di tutela della privacy e dell’anonimato, nella salvaguardia dei digital commons, i beni comuni digitali, affinché rimangano risorse non del mercato o del governo ma delle persone.

Dal punto di vista teorico l’idea si rifà al fenomeno della cosiddetta neogeografia che si basa sull’uso di mappe virtuali e dispositivi mobili per promuovere una conoscenza collaborativa dei territori.
Questo fenomeno, che da tendenza culturale comincia ad assumere i contorni di un fenomeno sociale, si è tradotto nel moltiplicarsi di esperienze di mapping collaborativi molto diversificati per attori, temi, finalità, metodologie e tecnologie impiegate.
Un’analisi accurata del fenomeno e dei suoi molteplici prodotti preliminare alla progettazione di Reter è arrivata alle seguenti conclusioni: il WebGis, o più propriamente geosocial, non è da considerarsi come una tipologia di strumento per rafforzare la conoscenza dei territori, bensì una forma di ambiente relazionale innovativo che genera nuove possibilità di produzione sociale dello spazio urbano, cioè di trasformazione dei territori collegata alla produzione sociale della conoscenza e alle relazioni che essa genera.

Sanità di Frontiera – Salute senza confini – Onlus è un’associazione senza scopo di lucro, apolitica e aconfessionale, che realizza interventi nel settore delle diseguaglianze, del benessere psicofisico, dell’inclusione sociale e del rispetto dei diritti umani in Italia e all’estero.

Sperimenta e diffonde modelli di intervento per promuovere la salute intesa come da definizione dell’Organizzazione Mondiale della Salute, ovvero uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o infermità.

Sanità di Frontiera si adopera con particolare attenzione nei confronti dei soggetti più vulnerabili e discriminati, quali i minori, le donne, i migranti e i più bisognosi.

This page is also available in: Italiano (意大利语) English (英语) Français (法语) Shqiptare (阿尔巴尼亚语) العربية (阿拉伯语) Español (西班牙语) বাংলা (Bengali) Punjabi (旁遮普语) Русский (俄语) Somali (索马里语) اردو (乌尔都语) አማርኛ (阿姆哈拉语) Tigrinya (提格里尼亚) Wolof (沃洛夫)